ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE - G. TOALDO
REGOLAMENTO per la disciplina degli INCARICHI AD ESPERTI ESTERNI
ai sensi dell’art.40 D.I.n.44 del 01/02/2001

 

IL CONSIGLIO DI ISTITUTO


VISTO il D.I. n.44/2001, in particolare l’art.32 comma 4, l’art.33 comma 2 e l’art.40;
VISTO il D.Lgs.n.165/2001 e successive modifiche ed integrazioni;
VISTA la circolare n.2/2008 del Ministero della Funzione Pubblica,


E M A N A


il seguente regolamento che va a costituire parte integrante del Regolamento d’Istituto.

Art.1 – Finalità e ambito di applicazione

1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi della normativa vigente, le modalità e i criteri per il
conferimento di contratti di prestazione d’opera per attività e insegnamenti che richiedano
specifiche e peculiari competenze professionali, nell’ambito della programmazione didattica
annuale, al fine di sopperire a particolari e motivate esigenze didattiche deliberate nel POF.

2. Il presente regolamento è finalizzato a garantire la qualità della prestazione, la trasparenza e
l’oggettività delle procedure di individuazione degli esperti esterni, nonché la razionalizzazione delle
spese per gli stessi.

Art.2 – Requisiti professionali e competenze

1. Per le finalità di cui al precedente articolo, qualora si renda necessario il ricorso alla
collaborazione retribuita di esperti esterni, si stabiliscono dei requisiti minimi, in termini di titoli
culturali e professionali, nonché di eventuale esperienza maturata nel campo che i candidati stessi
devono possedere per accedere alla selezione, applicando i criteri generali che seguono.

2. I candidati, ai sensi della normativa vigente, devono essere in possesso di titolo di studio con
comprovata specializzazione, (eventualmente anche universitaria). Si prescinde da questo requisito
in caso di stipulazione di contratti d’opera per attività che devono essere svolti da professionisti
iscritti in ordini o albi o con soggetti che operano nel campo dell’arte, dello spettacolo o dei
mestieri artigianali, ferma restando la necessità di accertare la maturata esperienza nel settore.
Si valuteranno, quindi:
a. Titoli di studio
b. Curriculum del candidato con: - esperienze di lavoro nel campo di riferimento del progetto
- esperienze metodologiche – didattiche
- attività di libera professione nel settore
- corsi di aggiornamento
c. Pubblicazioni e altri titoli
d. Competenze specifiche richieste per ogni singolo progetto

Art.3 – Pubblicazione degli avvisi di selezione

All’inizio dell’anno scolastico, o qualora ne emerga la necessità, il Dirigente, sulla base del piano
dell’offerta formativa (POF) e della previsione dei progetti che saranno deliberati nel programma
annuale, individua le attività e gli insegnamenti per i quali possono essere conferiti contratti ad
esperti esterni e ne dà informazione con uno o più avvisi da pubblicare all’albo ufficiale della scuola
e sul sito web d’Istituto.

Gli avvisi dovranno indicare modalità e termini per la presentazione delle domande, i titoli che
saranno valutati, la documentazione da produrre, nonché la tipologia di contratto che si intende
stipulare, con riferimento a:
·  oggetto e luogo della prestazione
·  durata del contratto, intesa in termini di inizio e di conclusione della prestazione
·  corrispettivo proposto per la prestazione

Ciascun aspirante in possesso dei requisiti, nel termine che sarà stabilito nell’avviso, può
presentare domanda alla scuola ai fini dell’individuazione dei contraenti cui conferire il contratto.

Il dirigente può procedere a trattativa diretta qualora, in relazione alle specifiche competenze
richieste, il professionista esterno sia l'unico in possesso delle competenze necessarie.

Per i contratti il cui compenso, comprensivo di tutti gli oneri, non supera l’importo di euro
1.000,00= (mille=), è data facoltà al dirigente scolastico di conferire incarichi ad esperti esterni
senza ricorrere alla procedura su indicata.

Art. 4 – Determinazione del compenso

Il compenso è così definito:

Personale interno (compreso il personale in servizio presso altre istituzioni scolastiche) impegnato
in attività con gli alunni: i compensi specificati nella tabella allegata al C.C.N.L.

Personale estraneo all’amministrazione, impegnato in corsi di recupero con gli allievi: i medesimi
compensi previsti per il personale interno.

Personale estraneo all’Amministrazione, impegnato in altre tipologie di attività: ad esclusione dei
casi specificatamente normati, il consiglio di Istituto fissa in euro 65,00= (sessantacinque=) il
compenso orario massimo erogabile. A discrezione del dirigente scolastico, in alcuni casi i
compensi per l’esperto esterno professionista possono essere integrati fino al 10%, valutando la
specifica professionalità del soggetto.

Per tutti i destinatari di incarico (sia interni che esterni all’amministrazione):
·  sono fatti salvi gli emolumenti previsti in specifici progetti finanziati con fondi comunitari
e/o regolamentati dagli stessi enti erogatori
·  in caso di attività per le quali esistono riferimenti normativi/contrattuali specifici, si
applicano i compensi da essi previsti
·  può anche essere previsto un pagamento forfetario, ove più conveniente
all'Amministrazione

Nell'ambito di detti criteri, il Dirigente scolastico determina di volta in volta il corrispettivo di
riferimento per i singoli contratti conferiti.

Il compenso è comprensivo di tutte le spese che il collaboratore effettua per l’espletamento
dell’incarico e degli oneri a suo carico.

Il compenso viene erogato dietro presentazione di apposita rendicontazione (o documentazione
fiscale per i possessori di partita I.V.A.), con assolvimento dell’imposta di bollo, corredata della
relazione conclusiva della prestazione effettuata.

E’ fatto divieto di anticipazione di somme.

Ai collaboratori non compete alcun trattamento di fine rapporto, comunque denominato.

Art. 5 – Individuazione dei contraenti

I contraenti cui conferire i contratti sono selezionati dal Dirigente scolastico e/o da un suo sostituto
ufficiale, sentito il docente referente di progetto o un’apposita commissione all’uopo nominata.

La valutazione sarà effettuata sulla base dei requisiti professionali già esplicitati all’art.2.

Sarà compilata una valutazione comparativa, sulla base dell’assegnazione di un punteggio a
ciascuna delle seguenti voci:
a. Titoli di studio
b. Curriculum del candidato con: - esperienze di lavoro nel campo di riferimento del progetto
                                                - esperienze metodologiche – didattiche
                                                - attività di libera professione nel settore
                                                - corsi di aggiornamento
c. Pubblicazioni e altri titoli
d. Competenze specifiche richieste per ogni singolo progetto. L’accertamento di tali competenze
potrà essere effettuato anche attraverso un colloquio all’esito del quale viene attribuito
specifico punteggio

Per ogni singolo avviso, nel bando verrà dettagliato il punteggio, sulla base dei requisiti ritenuti più
significativi in relazione allo specifico incarico da conferire. Tali requisiti e il punteggio da attribuire
a ciascuno di essi saranno individuati dal Dirigente scolastico e/o da un suo sostituto ufficiale,
sentito il docente referente di progetto o l’apposita commissione all’uopo nominata.

A precedenti esperienze di collaborazione con l’istituto valutate positivamente dal dirigente o dal
referente del progetto potrà essere attribuito un punteggio specifico

A parità di punteggio sarà data la preferenza a candidati che abbiano svolto esperienze con
valutazione positiva in altri istituti.

Art. 6 – Formalizzazione dell’incarico

Completato il procedimento amministrativo sopra descritto, il Dirigente Scolastico provvede, con
determinazione motivata in relazione ai criteri definiti e nei limiti di spesa del progetto, alla stipula
del contratto con l’esperto esterno o alla formalizzazione dell’incarico con personale appartenente
alla pubblica amministrazione.

Nel contratto verranno inseriti tutti i dati e gli elementi fondamentali previsti dalle norme vigenti.

N.B. La circolare n. 2/2008 citata nelle premesse chiarisce che solo per le collaborazioni
meramente occasionali che si esauriscono in una sola azione o prestazione, caratterizzata da un
rapporto “intuitu personae” che consente il raggiungimento del fine, e che comportano, per loro
stessa natura, una spesa equiparabile ad un rimborso spese, quali ad esempio la partecipazione a
convegni e seminari, la singola docenza, la traduzione di pubblicazioni e simili, non si debba
procedere all'utilizzo delle procedure comparative per la scelta del collaboratore, né ottemperare
agli obblighi di pubblicità.

Approvato dal Consiglio di Istituto in data 28/06/2013